giovedì 30 maggio 2013

Tuo pentimento e la realtà

Para a leitura em lingua portuguesa, clique aqui:
 O teu arrependimento e a realidade

Il tuo tempo se n’è andato
E con esso la chance
Di essere stato tutto diverso
Non si può più tornare indietro
Non c’entra più il volere
Quel tempo se n’è andato
Tempo quando potresti aver sorriso, e non l’hai fatto
Quando potresti in verità aver vissuto,
E non soltanto passare il tempo accanto a me
Non hai presa la decisione.
Siamo tutti colpevoli
O siamo tutti innocenti?
La risposta ormai non ha valore.
Perché tuo tempo se n’è andato
Non esiste più
È pungente guardare indietro
Lo so bene
Ma quel tempo non tornerà
Da noi
Quel tempo se n’è andato
Sì, se n’è andato
Ma molto ci ha potuto insegnare
Per il tempo d’oggi, per il domani,
Dove passare, cosa scegliere,
Cosa fare, cosa valorizzare.
È stato tutto una preparazione per il futuro.
Si può scegliere di percorrere i sentieri
O di rimanere come prima, immutabile.
Qualcosa però resta adesso invariabile
Le nostre vite non cammineranno più insieme
Quel tempo se n’è andato
Dichiarazioni, oggi,
O dimostrazioni di sentimenti vari
Sono come la risposta che non ha più valore,
Le lacrime non riporteranno il latte versato.

Non tutto è stato bello da tenersi in mente.
Non tutto è stato dolore per vivere in tristezza.
È stata una storia
Che non si può cancellare
Dove l’amore e il rispetto si svanirono
E che è stata abbattuta

Con un punto fermo.
Wagney Hipolito 29/05/2013


giovedì 16 maggio 2013

Germogli d'amore

Para a leitura em lingua portuguesa, clique aqui:
 Brotos de Amor


Sono
Tutto sentimento,
Tutto amore.
Amore che viene di dentro
Dal cuore
E circola per le vene
Del mio corpo;
Che riesce a passare attraverso
La pelle
E andare oltre
E trasformarsi in luce
E toccare tutti
Che sono intorno a me.
Non posso negare
La felicità a me stesso.
Non posso negare
La felicità in me,
Nemmeno quest'amore
Che mi sgorga dal petto,
Che germoglia nel mio corpo.
Non mi vergogno
di osservare un fiore
O un paesaggio
Per strada,
Sentire il suono degli uccellini
Che cantano felici
O tristi, non lo so.
Non mi lascio vagare per strade
A raccogliere le briciole di disillusioni.
Sono un collezionista di emozioni,
Che trovo tante volte nelle cose
Piccole e semplici.
Mi hanno detto che questo é fesseria,
Roba da bambini.
Penso che sia impossibile
Non conoscere l'amore!
Magari questi preferiscono essere terreni infertili!
Andate, poi, voi che pensate così,
Resterò qui,
Nel mondo che mi rende felice!
Wagney Hipolito 16/05/2013

sabato 4 maggio 2013

Il cuore, questo sconosciuto

Para a leitura em lingua portuguesa, clique aqui:
 O coração, esse órgão desconhecido

A volte è così difficile e doloroso avere ciò che desideriamo e l’intendimento del perché questo succede sfugge alla nostra percezione. Ci troviamo davanti alla nostra incapacità mortale e così umana. È triste ritrovarsi contro un muro così alto e sapere che dall'altro lato troviamo quello che vogliamo e che, per raggiungerlo, dobbiamo salire questo muro. L'ignoto, però, ci mette in panico! È sempre stato così! Sappiamo cosa fare, ma non sappiamo come, o nella maggior parte delle volte, il fatto di una nuova sfida, ci rende deboli. È necessario essere paziente, sapendo che ogni passo deve essere fatto separatamente, uno alla volta. Tuttavia, è difficile spiegare questo al cuore. Le cose cattive ci colpiscono profondamente e ci affezioniamo molto facilmente alle cose buone ,la volontà di ripeterle ed averle sempre con noi aumenta ad ogni frazione di secondo, anche se non ci rendiamo conto. Il cuore non è razionale, non segue i metodi, le imposizioni o modelli prestabiliti. Non pensa alle conseguenze di ciò che si vuole, ma sa soffrire, e molto, quando non riesce ad adempiere ai loro desideri. Sembra gonfiarsi e avere al suo centro un grande spazio vuoto, trasmettendo molto dolore al suo portatore. Sembra avere solo tre sentimenti: desiderio, dimostrare gioia quando realizza questo desiderio e tristezza quando non è in grado di realizzarlo, oppure quel tipo di dolore quando lui sente che non può avere quello che vuole, e questo è quando dimostra paura. Il nostro corpo e il cervello sono i regolatori dei desideri, attraverso di essi ci accorgiamo dei sentimenti e prendiamo decisioni o no nei loro confronti. Tutti, però, devono lavorare in perfetta armonia, sempre nella giusta dose di ragione e di cuore, anche chiamata emozione. Tuttavia, non possiamo impedire che abbia i suoi desideri. Anche un cuore spezzato o, se possiamo dire, essiccato, ha i suoi desideri. Perché il cuore è vita! E il suo alimento è l’amore, sia per il bene o per le cose cattive! Questa è una diversità in noi esseri umani, tanti amano le cose buone e molti amano le cose cattive. L'opposto, questo male necessario, ha la funzione di guidarci sulla strada giusta o sbagliata. Il cuore ha bisogno di amare, perché un cuore che non ama, non vive! Dobbiamo saper gestire i suoi desideri, è vero, ma non dobbiamo mai soffocarlo, impedendo a noi stessi di provare sensazioni meravigliose. Il cuore sa soltanto amare, non lo incolpiamo per eventuali errori che abbiamo fatto. Proviamo ad amare di più e a diffondere l'amore! Wagney Hipolito, 23/04/2013